Todi, siti , web design e fotografia

Ciao , io sono Simone Quartucci

e questo è il mio sito web personale . Dal 2000 mi interesso ad internet sviluppando siti web efficaci e curando il posizionamento sui motori di ricerca per piccole aziende e liberi professionisti . Sono esperto nello sviluppo di siti web in wordpress la piattaforma CMS più diffusa al mondo per creare siti dinamici . La fotografia è un'altra passione che condivido in questo sito con un portfolio personale dei miei scatti.

Truffato da un sito clone : attenzione alle truffe online sotto Natale

Il mondo online come quello reale presenta purtroppo anche i truffatori e i ladri che durante le feste e soprattutto in questo periodo di pandemia dove molti si rivolgono all-e commerce  cercano di derubare i dati delle carte di credito e attingere ai nostri risparmi.
Vi racconto quello che mi è successo e che puo’ capitare e sicuramente è capitato anche ad altri: mia figlia voleva fare un regalino ad una sua amica e nonostante gli inviti ad andare al negozio fisico sotto casa aveva scelto di andare su Google e digitare Pandora e cliccare sul primo risultato di ricerca.

Io arrivato dopo non mi sono accorto che l’indirizzo url non corrispondeva affatto a quello del sito e fiducioso dell’affidabilità del marchio e del sito in tutto uguale all’originale ho eseguito una  transazione.

A questo punto ho ricevuto una telefonata dalla Banca che mi diceva che la mia carta era stata bloccata perche’ la transazione era avvenuta su un conto estero non meglio identificato e quindi la carta era ormai insicura.

Solo allora mi sono accorto che non era il vero sito di Pandora.it dall’ indirizzo url ma un sito clone fatto apposta per truffare la gente ed era in prima posizione su Google solo grazie a pubblicità a pagamento.

Ma ormai i miei 30 euro erano stati presi e la carta bloccata. Non mi è rimasto altro da fare che la denuncia alla Polizia Postale. Ci sono rimasto male soprattutto perchè era la prima volta che mia figlia da sola (per mia colpa) faceva un acquisto in ecommerce e ci è rimasta molto male male come fosse stata sua la colpa. Questi balordi e chiamarli cosi è solo un eufemismo si basano sulla buona fiducia di chi fa compere e si affida a marchi noti ( che ovviamente non hanno nessuna colpa) .

 

I consigli sono :

  1. Di controllare sempre l’indirizzo URL del sito che corrisponda a quello ufficiale
  2. che abbia un protocollo https per la sicurezza  
  3. Seguite sempre i vostri figli mentre fanno acquisti online 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *